Rispettiamo l'ambiente

31 marzo 2016 - Rita Sabatini

Rispettiamo l'ambiente

È importante educare i bambini al rispetto dell'ambiente fin dalla prima infanzia.


Il primo modo per sensibilizzare i bambini sull'importanza di adottare comportamenti corretti e responsabili nei confronti dell'ambiente, è abituarli ad effettuare la raccolta differenziata fin da piccoli.

In proposito possiamo realizzare uno specifico progetto di educazione ambientale nella scuola dell'infanzia.

Introduciamo l'argomento con un personaggio mediatore in modo da accrescere l'attenzione e la motivazione  dei bambini.

Il personaggio potrà essere un pupazzo, ad esempio un coniglietto, che si presenterà ai bambini dicendo di essere molto triste perché si è accorto che il prato è pieno di rifiuti.

Tenendo in mano il personaggio raccontiamo una semplice storia:

“Cari bambini, sapete è accaduta una cosa molto molto brutta...

Stavo saltellando nel prato quando sono inciampato in un barattolo e ho fatto un gran ruzzolone. Ho cercato di alzarmi e sono inciampato in una bottiglia di plastica...

Mi sono guardato attorno e ho visto che il prato era pieno di rifiuti, allora sono diventato davvero triste.

Chissà chi sarà stato?

Dobbiamo proprio insegnare a tutti a rispettare l'ambiente perché è il dono più prezioso che abbiamo. Volete aiutarmi?”

Successivamente invitiamo i bambini a riflettere sull'importanza di rispettare l'ambiente attraverso domande guida. Chiediamo ad esempio:

  • Che cosa succede se buttiamo i rifiuti nel prato e nei boschi?
  • Che cosa succede se buttiamo i rifiuti sulla spiaggia e nel mare?
  • Perché è importante non inquinare l'ambiente?

Spieghiamo che molti rifiuti si possono riciclare, ossia recuperare per creare nuovi materiali evitando così di inquinare l'ambiente. Per poterli riciclare, però, i rifiuti devono essere raccolti e divisi in modo corretto e quindi sarà indispensabile la collaborazione di tutti gli alunni.

Coinvolgiamo i bambini nella preparazione dei contenitori che utilizzeremo per effettuare la raccolta differenziata.

Per realizzare i contenitori possiamo far dipingere con i colori a tempera degli scatoloni di recupero.

Quando il colore è asciutto invitiamo i bambini a decorare i contenitori con vari materiali.

Per il contenitore della carta, ad esempio, si potranno effettuare delle decorazioni incollando dei grandi fiori ritagliati nella carta da giornale.

Per il contenitore della plastica si potranno realizzare dei decori con i tappi delle bottiglie di plastica.

Per il contenitore dei rifiuti organici si potranno incollare dei decori realizzati con vari tipi di legumi.

Mettiamo all'interno di ogni scatolone il sacchetto corretto e proponiamo dei giochi per abituare i bambini a differenziare i materiali.

Disponiamo sul tavolo dei contenitori di plastica, delle bucce di frutta, della carta, ecc. e chiediamo ai bambini, divisi a coppie, di dividere i rifiuti nel minor tempo possibile.

Evitiamo di far maneggiare vetro e lattine ai bambini piccoli ma spieghiamo che, anche questi materiali, sono riciclabili.

Una volta che i bambini avranno capito come dividere i materiali lasciamo i contenitori in classe  incentivando così l'abitudine quotidiana ad effettuare la divisione dei materiali.

Mostriamo dei semplici documentari in cui si veda come i materiali riciclati vengono lavorati per produrre nuovi materiali o fertilizzanti organici.

Durante l'anno proponiamo frequenti conversazioni sull'argomento facendo emergere le riflessioni e le osservazioni dei bambini affinché i comportamenti corretti vengano  interiorizzati.