EMERGENZA CORONA VIRUS: COME SPIEGARLO AI BAMBINI

10 marzo 2020 - Gianfranca Pintus Pedagogista Scuola Primaria

EMERGENZA CORONA VIRUS: COME SPIEGARLO AI BAMBINI

Come parlare dell'argomento ai nostri bambini


In questo periodo l'argomento principale del quale si sente parlare è il CoronaVirus. Se spesso noi adulti siamo i primi ad essere confusi a riguardo, immaginiamo quanto possano essere confusi i bambini. Le notizie allarmanti dei media possono generare ansia e preoccupazione a tutti. Immaginate questo scenario visto attraverso gli occhi di un bambino: chiusura delle scuole,ricerca di mascherine e disinfettanti,sospensione delle attività sportive,sospensione delle attività ricreative extra-scolastiche;tutto questo genera confusione e curiosità da parte dei bambini,che in questo periodo pongono numerose domande a riguardo.

Come parlare di tutto questo con i bambini?Bisogna essere molto chiari con loro: spiegare bene ciò che sta succedendo senza sminuire il problema,con un linguaggio semplice,adeguato alla loro età e facilmente comprensibile. La prima cosa che notano i bambini,essendo abituati a una certa routine,è proprio il cambiamento delle abitudini quotidiane.

La prima cosa da fare è essere sinceri,i bambini infatti si fidano tantissimo dei genitori ed è bene spiegare cos'è questo virus,come si trasmette e che sintomi può dare. Ciò che è fondamentale è dare notizie certe ai bambini,quindi prima di parlare con loro bisogna assicurarsi che le fonti da cui abbiamo preso le notizie siano attendibili. Spiegate ai bambini cos'è un virus, per poi arrivare a dire loro che adesso esiste un nuovo virus, il cui nome è appunto CoronaVirus: un mostriciattolo che per la prima volta sta colpendo l'uomo; spiegare che questo virus si chiama cosi perché assume proprio la forma di una corona,come quella di un re (aiutatevi magari con dei disegni),ma che come tutti i virus è impossibile da vedere ad occhio nudo perché è minuscolo, e possono vederlo solo gli scienziati con il loro microscopio. I sintomi sono gli stessi dell'influenza che gli viene ogni inverno, quindi febbre,tosse e naso che cola, ma che può essere pericoloso per le persone più anziane come i loro nonni e per le persone più deboli. Si può dire che ci sono stati molti contagi nel mondo e che adesso ci sono dei contagi anche nel nostro paese; devono sapere che il virus è molto contagioso,ma tranquillizzateli dicendo loro che ci sono tanti dottori e infermieri che si prendono cura dei malati e tanti scienziati che stanno cercando nel loro laboratorio una cura come una pozione magica per sconfiggerlo. Spiegate loro che gli esperti stanno prendendo tutte le precauzioni possibili per fare in modo che si possano ammalare pochissime persone e queste precauzioni sono appunto chiudere per un po' le scuole,fermare le attività sportive e ricreative. E' molto importante tranquillizzarli e infondere in loro la calma,dicendo loro che gli scienziati per adesso hanno visto che i bambini sono più forti contro il virus e che quindi al momento non sarebbe una minaccia per loro e per i loro amichetti. Date speranza ai bambini,rassicurandoli del fatto che tutto si risolverà. Insegnate inoltre ai bambini norme comportamentali: quest'occasione è molto utile per far capire loro quanto sia importante lavarsi le mani in ogni occasione,ma sopratutto ora,e insegnare loro a farlo bene perché i virus non amano le mani pulite. Quindi lavare spesso e bene le mani, non mettersi le mani in bocca,non tossire o starnutire addosso agli altri ma farlo nella piega del gomito oppure in fazzoletto che poi deve essere subito buttato nel cestino,non bere dalla stessa bottiglia o bicchiere di altre persone. In questo modo il loro corpo può difendersi dal virus.

Un' altra cosa di fondamentale importanza è quella di ridurre al minimo l'esposizione dei bambini davanti ai media, televisione e social,in quanto potrebbero interpretare male alcune notizie e spaventarsi a seconda di quello che sentono o leggono.

In questi giorni fategli fare tutto quello che hanno sempre fatto in casa senza stravolgere troppo le loro abitudini più di quanto non siano già state stravolte. E' giusto che continuino a giocare, leggere libri, disegnare, ascoltare musica, dipingere,ballare, guardare la tv (poca e selezionando voi i contenuti), e giocare all'aria aperta evitando comunque i luoghi troppo affollati. Non spaventatevi se i bambini avranno manifestazioni di paura e ansia perché  è molto normale e facile che questo accada: accogliete le loro paure e cercate di tranquillizzarli. Con le scuole chiuse è importante usare il buon senso e seguire le linee guida del Ministero della Salute. Sarebbe bello approfittare di questo periodo per riscoprire il piacere di fare qualcosa con i bambini: giocare,leggere, creare,e tutte le attività che amano fare. Il modo più facile per far comprendere loro ciò che sta accadendo potrebbe anche essere quello di aiutarsi nelle spiegazioni con dei simpatici disegni o varie filastrocche sull'argomento che sono state scritte apposta per i bambini in questo periodo.

Tutto ciò va fatto modulando le parole, infondendo fiducia e tranquillità e ricordando ai bambini che piano piano torneranno a scuola e alla vita di tutti i giorni senza problemi.